Case antisismiche, le migliori sono in legno

Pubblicato il Pubblicato in professione

La terra continua a tremare e intanto tornano le polemiche sull’efficienza delle politiche antisismiche e sulla solidità delle tecniche di costruzione. Le migliori case antisismiche, secondo esperti del settore, sono quelle costruite in legno. Le tecniche costruttive moderne basate su legno certificato, infatti, come riferisce il Pefc Italia, federata allo schema di certificazione forestale sostenibile, permettono di costruire edifici antisismici fino a 20 piani. E in Australia ci sono esempi che addirittura superano i 40 piani.

“Il primo vantaggio immediato di un edificio in legno è che è rapido a costruirsi"

afferma Antonio Brunori, segretario generale Pefc Italia che spiega: "i tempi vanno dalle 4 settimane alle 8 settimane a seconda delle dimensioni". Questi edifici, inoltre, "sono più leggeri rispetto a strutture in cemento armato o acciaio e ovviamente c'è il fatto che hanno una resistenza verso le scosse che li rende più adatti alle zone sismiche".

Un edificio in legno, infatti, si adatta bene ad un movimento mentre una struttura pesante potrebbe essere danneggiata.

Dagli edifici multipiano ai piccoli chalet, dai condomini prefabbricati alla casa su misura, dalle chiese alle scuole, il legno, come spiega Vanni Bottaro, direttore commerciale Wolf system, non ha limiti di applicazione e ha diverse prestazioni tecniche: isola meglio dal caldo e dal freddo e, abbinato a fissaggi in acciaio, rende l'edificio più leggero di ben 1/3 rispetto ad uno tradizionale.

Dai corsi universitari ai cantieri, l’architettura in legno negli ultimi anni sta ottenendo ottimi risultati. Gli edifici in legno, spiega Bottaro, "stanno diventando appannaggio di sempre più clienti, tanto è vero che il mercato delle case in legno è passato dallo 0,5% del nuovo costruito nel 2005 al 15% del 2015".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *